Come possiamo iniziare una storia d'amore con noi stessi?

Mercoledì, 15 Aprile 2020

teresa

 

Oggi ti racconto che … Vivere o non vivere?

Accolgo Teresa alle ore 10.00. Ci colleghiamo via skype. Si sistema sulla sua sedia, mi guarda. Con tono deciso inizia a raccontarmi di sentirsi goffa, e di essere convinta di occupare più spazio del necessario. “Mi sento ingombrante, ingombrante per me stessa e per gli altri … difficile avere a che fare con una come me”. La invito ad approfondire al meglio quanto sente, e Teresa, senza esitazione, aggiunge di avvertirsi come un peso, e di come il più delle volte sceglie il silenzio all’espressione di se stessa. Ingombrante a se stessa e agli altri … difficile averci a che fare.

Come un fiume in piena racconta di sé, paragonandosi a un oggetto, un oggetto bello da vedere, che viene guardato apprezzato ma mai amato veramente. Un oggetto senza amore. Si osserva con lo sguardo di una donna cresciuta forse troppo in fretta.

 “Vivere o non vivere? E vivere senza amore è vivere o non vivere? Questa la domanda che mi occupa la testa” dice. Poi sorride, le sorrido a mia volta, e questo sguardo si fa canale della parola espressione detta da lei stessa precedentemente. Ci salutiamo così, con l’impegno di ascoltare se stessa e i suoi bisogni per rafforzarsi, e per ritrovarsi nell’amore di sé.

Vivere o non vivere?

Oggi Teresa porta questa domanda, che come un eco ha saputo risvegliare dentro un potente dilemma, forse uno dei più radicati, e così profondamente presente da potersi ritrovare in ogni essere umano.

Voglio ripercorrere con te questo viaggio. Quante volte come Teresa ti sei sentito un peso per te stesso e per il mondo attorno? Quante volte ti sei avvertito quasi o del tutto ingombrante? E quante altre ancora ti sei detto di tacere anziché dire, e magari anche di andare il più lontano possibile, per sparire e così non pesare?

Ecco Teresa sembra averci mostrato una via possibile a tutto ciò. In un ambiente di sguardi che accolgono, le sue parole hanno trovato voce conquistando uno spazio diverso, nuovo, e forse più libero. Il riconoscere l’ingombrante domanda che le occupava la testa, ha portato luce alla preziosa possibilità di ascoltare se stessa e il suo mondo interiore. Ascoltarsi per collegarsi ai propri bisogni, ascoltarsi per ritrovare il proprio spazio, ascoltarsi per esprimersi appieno. Teresa oggi ci insegna come ascoltare se stessi possa aiutarci non solo a ritrovarci, bensì anche a uscire dal silenzio, per dar voce alla propria espressione. E quindi l’ascoltare se stessi può diventare un ponte da percorrere per ascoltare e ritrovare appieno la vita.

La sua storia sembra anche ricollegarci alla favola di Pinocchio.

Pinocchio è la storia di ogni figlio che riscopre l’amore del proprio padre. Per Teresa oggi è il suo padre interno e la sua madre interna, quell’amore per se stessa. Un viaggio che ognuno di noi ha bisogno di intraprendere: il viaggio dentro di sé.

Dopo tanto correre ed affannarsi per “diventare grande” su strade e con mezzi che non rendono veramente felici, Teresa comprende che finalmente può smettere di scappare, di cercare, di affannarsi, per restare in quell’amore e in quell’abbraccio, e trovare lì la forza per diventare se stessa pienamente. E’ forse anche questo uno dei motivi per cui questa favola ha superato il ticchettio del tempo, e continua ad essere letta e riletta per il messaggio di fiducia e di amore che racconta: sei mio figlio, ti amo nonostante e prima di tutto.

 

 


Vi raggiunga il mio abbraccio più sincero...siete nel mio cuore...e sarà bellissimo incontrarci rinnovati nello Spirito al termine di tutto ciò.

Massimo Cicolin

Presidente di Academy

Felici di ascoltarti!

Compila il form qui a lato per qualsiasi informazione riguardo i Percorsi di Crescita Personale e i Seminari Esperienziali o semplicemente per condividere il tuo pensiero.

Ti daremo riscontro al più presto!

 

Se preferisci, chiamaci via Skype:

* i campi sono obbligatori